?

Log in

No account? Create an account
Farfalla+fiore

July 2017

S M T W T F S
      1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031     

Tags

Powered by LiveJournal.com
Farfalla+fiore

Blocco dello scrittore: A Favorite Poem

What is one of your favorite poems?
Ormai è una malattia...aiutatemi!

My Mistress' Eyes Are Nothing Like The Sun
(Sonnet 130)
By William Shakespeare

My mistress' eyes are nothing like the sun;
Coral is far more red than her lips' red;
If snow be white, why then her breasts are dun;
If hairs be wires, black wires grow on her head.
I have seen roses damasked, red and white,
But no such roses see I in her cheeks;
And in some perfumes is there more delight
Than in the breath that from my mistress reeks.
I love to hear her speak, yet well I know
That music hath a far more pleasing sound;
I grant I never saw a goddes go;
My mistress when she walks treads on the ground.
  And yet, by heaven, I think my love as rare
  As any she belied with false compare.

 

Comments

I picked this one too...
I especially love last two lines, I find them really sweet. And I like the fact he loves her even if she's not so perfect. (or this is the idea he wants to convey)
Mi inserisco in italiano perchè il mio inglese è decisamente stentato! Io preferisco "Shall I compare Thee..." (spero sia scritto giusto, ho un vuoto)
Anche se la mia preferita in assoluto è Emily Dickinson
"Per fare un prato ci vogliono un' ape e un fiore.
Un ape, un fiore e un sogno.
Ma il sogno può bastare se le api sono poche."
(sono andata a memoria... Spero che sia giusta!)
Ohh...caruccia...e vera, tra l'altro.
Grazie per il contributo
La mia poesia preferita è questa:

Sempre caro mi fu quest'ermo colle,
e questa siepe, che da tanta parte
dell'ultimo orizzonte il guardo esclude.
Ma sedendo e mirando, interminati
spazi di là da quella, e sovrumani
silenzi, e profondissima quïete
io nel pensier mi fingo, ove per poco
il cor non si spaura. E come il vento
odo stormir tra queste piante, io quello
infinito silenzio a questa voce
vo comparando: e mi sovvien l'eterno,
e le morte stagioni, e la presente
e viva, e il suon di lei. Così tra questa
immensità s'annega il pensier mio:
e il naufragar m'è dolce in questo mare.

Giacomo Leopardi - L'infinito