?

Log in

No account? Create an account
Farfalla+fiore

July 2017

S M T W T F S
      1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031     

Tags

Powered by LiveJournal.com
destini

[ER] Destini Incrociati - Capitolo 6: County Cook Hospital, Chicago

Buona domenica! Finalmente il sole!

  
 

COUNTY COOK HOSPITAL, CHICAGO

“E ho ancora la forza di dirvi che comunque

la mia parte ve  la posso garantire”

Ho ancora la forza, F. Guccini

 

Quando l’ascensore si aprì, Abby mosse i primi passi titubante. Si guardava attorno con attenzione, cercando di non sentirsi troppo a disagio. Era strano tornare in quel reparto, che conteneva così tante memorie. Ma la cosa che veramente la rendeva nervosa era tornarci da studentessa di medicina. Ancora. Tre anni buttati via. In un solo secondo aveva perso tutta l’autostima e la fiducia che aveva guadagnato duramente, sentendosi, nuovamente, meno di uno zerbino.

Arrivata al banco dell’accettazione fu accolta da Jing- Mei: sarebbe stata lei la sua responsabile.

“Ok, Abby, pronta? Abbiamo già la sala d’aspetto piena!”

“Signora, mi aiuti! Il mio bambino continua a vomitare!”

“Abby?”

Fantastico. Non c’è modo migliore per cominciare.

“Sì, lo prendo io”

“Se hai bisogno, chiama”

Dopo qualche ora, altro vomito, un’infezione purulenta su una coscia, due brutti eritemi e un caso di raffreddore a spruzzo decise che era ora di un caffè.

Entrò in salottino e aprì il suo armadietto.

“Dr Lockhart, che piacere!”

Noooo! Non lui, non adesso che ho quest’aspetto…

“Abby, ci sei?”

Si girò lentamente, sperando di trovare tutti ma non lui. Follia, quanti colleghi croati poteva conoscere?

“Oh… mmh… ciao Luka”

“Tutto bene?”

“Sì, normale”

Era magnifico, come al solito. Capelli sugli occhi, camicia grigia come la cravatta, il suo sorrisetto e quella maledetta voce con quel maledetto accento… sembrava un modello appena sceso dalla passerella.

“Cos’hai da ridere?”

“Io? Ma non sto ridendo…”

“Luka…”

“Abby…”

Lo avrebbe riempito di baci.

Lei aveva roteato gli occhi nel suo modo brevettato e lui aveva sentito qualcosa muoversi dentro. Si era arreso.

“Ok, ok. Non so come dirtelo. Hai un aspetto, diciamo, disastroso. Sembra che una lavatrice ti abbia appena centrifugato…”

“Ah, ha parlato Mr Salute Perfetta. Peccato non averti fatto una foto quando ti hanno scaricato dall’ambulanza… avremmo potuto pubblicarla per sensibilizzare il problema della fame del mondo”

Luka aveva smesso di sorridere. Abby era ammutolita. Ouch, quando imparerò a tenere la boccaccia chiusa?

Stava per dirgli qualcosa, quando la porta si spalancò.

“Lukaaa! Finalmente! C’è un incidente e c’è tanto bisogno di te…”.

Sam, la gatta morta.

“Arrivo, metto il camice”.

Si voltò a guardare Abby.

“Beh, buona giornata”, disse mestamente e, un attimo dopo, era sparito.

Comments

Prime scaramucce Abby-Luka, certo che lei ha un tempismo con la sua frasetta sarcastica! Ma Sam non è una gatta morta! Avevo dimenticato la brutta figura che faceva in questa ff!