Farfalla+fiore

drk_cookie

Trauma Two

"Charge at 200 and... clear!"


Previous Entry Share Next Entry
Badge8571
drk_cookie

[CSI: NY] - Cinque anni dopo

Titolo: Cinque anni dopo
Fandom: CSI: NY
Personaggi: Don Flack
Rating: Verde
Set In Time: Maggio 2011.
Note: One-shot., What if? (c'è Jess, perché in questa storia non è morta, ok? Facciamo proprio che la sparatoria del 2009 non c'è stata)
Allora, ieri la CBS ha deciso che CSI: NY si merita un'altra stagione e quindi... season 8, here we come! C'è da festeggiare! E come, se non con una shot un po' angst? ;)
Disclaimer: Il detective occhi blu non mi appartiene e non ho alcun diritto su di lui.


Di solito, il sentimento predominante era la rabbia. Ti alzavi e ti preparavi per il tuo turno, cercando di non pensarci. Ma, in un angolo nascosto della tua mente, un angolo che non sapevi nemmeno di avere - e che non ti creava alcun problema durante gli altri trecentossessantaquattro giorni dell'anno - sentivi la rabbia crescere pian piano, ma in modo costante. Tempo di arrivare in Centrale, e già i colleghi ti lanciavano occhiate strane (ma di nascosto. Ovviamente). E quelli della scientifica cercavano di ignorare quanto ti stava accadendo, perché loro sapevano - e sanno - quanto poco ti piace ricordare quel maledetto giorno. Ma la rabbia, lenta, continuava a salire, a diffondersi nel tuo corpo, come un veleno letale. Eri più duro durante gli interrogatori, eri meno divertente nelle tue solite battute. Eri come distaccato. Poi, a fine turno (non ti fermavi mai, quel giorno, più del necessario) andavi a casa e, con metodo, ti ubriacavi, e, pieno di ira, mandavi a quel paese quel dannato demente che aveva pensato fosse una buona idea mettere alla prova la città.

Pensavi a quel giorno. Non che ricordassi molto, solo immagini vaghe e confuse, la voce di Mac, la mano di Mac, qualcuno che batteva contro i muri, facendo un rumore sordo che ti rimbombava in testa ed un dolore strisciante ed inenarrabile sotto la pelle, in un punto non definito all'altezza dell'ombelico. Come se il tuo stomaco fosse diventato un cratere dopo un'esplosione violenta. E non per fare una battuta. Non l'avevi mai cofessato a nessuno, tantomeno alla psicologo del dipartimento che ti aveva seguito dopo la dimissione dall'ospedale, ma, mentre te ne stavi sdraiato ed inerte, con la tua vita a scorrere tra le dita di Taylor, avevi desiderato che tua madre si materializzasse lì, Volevo la mamma, la mia mamma, come un qualunque bambino piccolo e spaventato. Io, che dico sempre di farcela da solo. Il pensiero ti imbarazzava continuamente, come se fosse qualcosa di sbagliato. Era ammettere di avere avuto davvero paura, era ammettere di ricordare qualcosa di tangibile e preciso. E se lo avessero scoperto, sicuramente avrebbero voluto sapere quanto altro ricordavi.

Lessing. Grazie a lui, erano seguite settimane in cui anche il solo pensiero di alzarsi era sconvolgente. Ti eri svegliato in ospedale e, meraviglioso, tua madre era lì, con il viso come incartocciato e gli occhi arrossati. Il sorriso che ti aveva fatto era stato come il sole e ti aveva fatto sentire meglio e peggio allo stesso tempo. Ma non era la prima volta che ti risvegliavi, solo che non te lo ricordavi. Te lo aveva raccontato Mac e sapevi che non poteva essere altro che la verità Il giorno dopo l'esplosione, avevi aperto gli occhi e lui era lì. E Stella era fuori dalla porta a sorridere, parlando al telefono con Danny. C'era anche il dottore e, a sentire la ricostruzione fatta, avevi persino parlato. Ti ricordavi a spanne quello che era successo e lo avevi detto prima di piombare, di nuovo, nel buio causato da shock, panico, dolore e medicinali.

Non era stato facile. Muoversi, mettersi a sedere, alzarsi su ginocchia tremanti e camminare. Ogni singolo passo verso la guarigione sembrava impossibile da fare. Nascondevi la paura di non farcela e combattevi con determinazione per tornare ad essere chi eri, il duro detective della omicidi, figlio di cotanto padre, che difficilmente si tirava indietro o faticava a raggiungere un obiettivo. In quei giorni di maggio combattevi anche contro te stesso, contro la tua parte fragile, spinto dalla tua incrollabile forza di volontà, la stessa forza di volontà che ti portava a non arrenderti ed a voler vedere solo la via d'uscita. La stessa forza di volontà che ti aveva spinto a fidarti di Moran e di Truby. Ma avevi lottato. Ed eri tornato.

Ma non eri lo stesso uomo, non potevi esserlo. Mesi dopo continuavi a sentire il dolore della cicatrice, specie dopo giornate particolarmente intense. Senza accorgertene, quando assumevi la posizione di difesa, la mano sinistra andava a proteggere istintivamente il fianco sinistro. Ti sentivi come una sorta di eroe greco col suo bel punto debole da nascondere. Il problema era che molti sapevano dov'era. Non i sospettati, loro no, ma i colleghi ne erano al corrente. Li vedevi come ti fissavano, prendevi nota del modo in cui il Sergente sembrava controllare il tuo peso per capire se c'era qualcosa che non andava. Non volevi cedere e non sei ceduto. Non eri lo stesso, ma forse potevi essere qualcuno di più forte. E ci hai creduto fino al primo anniversario, quando la rabbia ha cominciato ad accecarti non appena aperti gli occhi.

Durante le sedute terapeutiche il dottor Hymes ti aveva suggerito di andare a trovare Lessing in carcere o di scrivergli una lettera per chiudere la questione; ma tu non eri - e non sei - tipo da lettere e non ti andava di andare a trovare l'uomo che aveva così drammaticamente cambiato la tua vita. Come Superman, avevi paura che lui fosse la tua kriptonite, l'ostacolo oltre cui non saresti potuto andare. Quindi nessuno sapeva e doveva sapere della tua rabbia. Tanto più che durava solo un misero giorno.

Ma stavolta qualcosa è cambiato. Quest'anno qualcosa è cambiato. Ieri sera, verso mezzanotte, sei tornato a casa dal tuo turno ed hai trovato Jess sveglia ad aspettarti. Sapevi che era reduce da un doppio turno, quindi eri sorpreso di vederla lì, seduta a gambe incrociate sul letto, a fissarti con quei suoi enormi occhi.

"Non dormi?"

"Sono contenta che tu sia qui"

Poi si era alzata e ti aveva afferrato trascinandoti sul letto, senza darti la possibilità di spogliarti e prepararti per la notte, e si era sdraiata accanto a te, cercando di stringerti il più possibile. Dopo pohi minuti il suo respiro regolare ti aveva fatto capire che si era addormentata. E tu, con un mezzo sorriso sul volto, eri rimasto a letto senza poterti muovere. Ti stavi domandando come fare per toglierti almeno le scarpe senza svegliarla quando ti eri, a tua volta, addormentato. La mattina lei se ne era già andata, lasciandoti una tazza di caffè sul tavolo ed una ciambella alla vaniglia. Ti eri alzato, un po' scombussolato per la notte appena passata e poi, dopo aver fatto colazione, ti eri preparato. Mentre ti allacciavi le scarpe avevi realizzato che non eri arrabbiato. Ma grato.

E quindi, eccoti qui, nel giorno che odi di più, di fronte all'ingresso del carcere. Perché Lessing lo deve sapere che non sei più lo stesso uomo, ma sei un uomo migliore. Lessing deve sapere che, grazie a lui, una giovane detective è stata trasferita nel tuo distretto per star dietro ai tuoi casi mentre guarivi. Lessing deve sapere che dall'esplosione è nato qualcosa di buono, perché tu e Jess, insieme, siete la cosa migliore al mondo, perché il suo gesto, apparentemente senza significato, fatto proprio allo scoccare di quel maledetto giorno, ha cambiato il tuo modo di vedere il maggio di cinque anni addietro. Lei è contenta che sei vivo. Ed, improvvisamente, lo sei anche tu, fino in fondo, fino al cuore.

E Lessing lo deve sapere.

 


?

Log in