drk_cookie (drk_cookie) wrote,
drk_cookie
drk_cookie

  • Mood:
  • Music:

Föch

Spèss te me disiet: “Dim cosa te n'fé

del me bè”. “Cosa 'n fó?” Ta disìe

N'fó ü bèl cüssì, quarciàt de sida

e töt pié de piümì,

e ghe dòrme quiét, la nòcc e 'l dé.

Cosa n'fó? Cosa n'fó? Ma te l'sé bé:

ü bèl castèl in ària, picinì,

pròpe issé strécc de püdì stà visì,

töta la éta, cör a cör, con té.

Cosa n'fó del tò bé? L'file; e sto fil

l'ingóge sèmper in d'ü bel ricàm,

ciàr come 'l cél, e come 'l vènt sitìl.

Cosa n'farò del

tò bé adès che te ghe sét piö?

Cos'ói de dìt?

L'dovrerò, se sarò famàt, de scöt la fam;

se sarò sidràt, de fà passà la sit.


Föch, spettacolo teatrale per la regia di Alberto Salvi, con Elena Borsato, Pietro Bailo, Miriam Gotti, Marco Robecchi, Alberto Salvi 


Spesso mi dicevi: "Dimmi cosa ne fai
del mio bene". "Cosa ne faccio?" ti dicevo
"Ne faccio un bel cuscino, coperto di seta
e tutto pieno di piume,
e ci dormo quieto, la notte e il giorno.
Cosa ne faccio? Cosa ne faccio? Ma lo sai bene:
un bel castello in aria, piccolino,
proprio così stretto da poter stare vicini,
tutta la vita, cuore a cuore, con te.
Cosa ne faccio del tuo bene? Lo filo; e questo filo
lo uso sempre in un bel ricamo,
chiaro come il cielo, e come il vento sottile.
Cosa ne farò del
tuo bene adesso che non ci sei più?
Cos'ho da dire?
Lo userò, se sarò affamato, per togliermi la fame;
se sarò assetato, per farmi passare la sete.

Tags: poetry, quotes
  • Post a new comment

    Error

    Anonymous comments are disabled in this journal

    default userpic

    Your reply will be screened

    Your IP address will be recorded 

  • 0 comments