Farfalla+fiore

drk_cookie

Trauma Two

"Charge at 200 and... clear!"


Previous Entry Share Next Entry
CSI: NY
drk_cookie

[CSI: NY] - Eppure



Titolo: Eppure

Fandom: CSI: NY
Personaggi principali: Don Flack
Set In Time: Episodio 05x25: Pay Up
Rating: Giallo
Note: Attenzione! In Italia, questo episodio non è ancora andato in onda e quindi è assolutamente SPOILER! Perciò, se non volete sapere cosa succederà non leggete. No, ho detto di non leggere! skurni , allontanati dalla scena del crimine! Non li vedi i nastri con scritto NYPD? Ho detto di allontanarti! Devo mandarti lì Flack e Messer? Furbetta... no, dai, non leggere. Puoi resistere ancora un po', io lo so.
Flash - fic, 321 parole secondo Word.
Ultima cosa: il titolo non ha molto a che fare con la storia, ma non volevo uscirmene con qualcosa che potesse far capire la trama.
Disclaimer: Come ER, anche CSI: NY non mi appartiene... ma cosa deve fare una ragazza per ottenere i diritti di uno show televisivo?

(Hey, nuovo fandom! Ma chi l'avrebbe detto? Ma tranquilli, che non ho alcuna intenzione di mollare il dottor Kovac)

 


Il detective Don Flack non sapeva cosa fare. E questa era una grossa - ed inaspettata - novità. Nella sua vita non aveva mai avuto una mezza esitazione, mai un dubbio, un'incertezza. Mai.

Eppure…

Se ne è andata era stato quanto era riuscito a confessare a Danny. Non una parola di più. I dottori, chiaramente, avevano usato un’altra parola, ma Don non poteva usarla. Lui non voleva pensarla così.

Eppure…

Solo qualche ora prima, Jess stava ridendo con lui al telefono, flirtando allegramente mentre progettava la loro serata romantica – vino, loro due, e quel negligè nero che lui amava – e tutto sembrava così perfetto, così naturale e semplice, nello stesso modo in cui, nonostante tutto, la loro relazione era stata perfetta, naturale e semplice.

Eppure…

Eppure lui se ne stava seduto senza sapere cosa fare, senza trovare la forza di reagire, sapendo che avrebbe dovuto alzarsi, chiamare il padre di Jess, andare da lei ancora una volta, parlare con i medici, parlare con Mac, parlare col Capitano, parlare con Sid. Parlare, parlare, parlare con tutti.

Tranne che con l’unica persona con cui avrebbe voluto davvero parlare.

Il suo cellulare vibrò fastidiosamente nella sua tasca, e per la prima volta da molto tempo, Don non fu contento di sentirlo.

“Flack”, apatico.

“Don… abbiamo una pista. Mac è già sulla scena…”

“Ok, Stella. Venti minuti e sono lì”

“Don… mi dispiace. Angell, Jess, lei era…”

Lui sospirò, “Lo so. Grazie, Stella. Di’ a Taylor che lo sto raggiungendo”

Agganciò, senza aspettare la risposta di Bonasera. Che tanto non avrebbe cambiato le cose. Niente più avrebbe potuto cambiarle, nemmeno l'eventualità di poter acciuffare il bastardo che aveva premuto il grilletto.

Alzandosi, stanco come mai era stato, si incamminò, a testa bassa, regalando un'immagine così diversa da quella che era solito dare di sé. Ma quel sé, quello deciso, sicuro, un po' sbruffone, era perso per sempre. E che la Città fosse pronta ad affrontarne le conseguenze.

 


Nota doverosa dopo la messa in onda della puntata in Italia:

In ospedale, la frase di Flack "She's gone" è stata tradotta con "È morta" che, indubbiamente, corrisponde a verità. Ovviamente, non potevo sapere con certezza come avrebbero tradotto, e, visto che "Se ne è andata" è unzionale alla storia, non ho intenzione di cambiare nulla.

?

Log in