drk_cookie (drk_cookie) wrote,
drk_cookie
drk_cookie

  • Mood:
  • Music:

[ER] - Viaggio in ascensore

Titolo: Viaggio in ascensore
Fandom: ER Medici in prima linea
Claim: Luka Kovac, Abby Lockhart
Prompt: 042: Triangolo@ fanfic100_ita
Rating: Verde
Set In Time: Episodio 12x05: Wake Up
Note: Il corsivetto sono i pensieri di Luka.
Disclaimer: Tutto quanto utilizzato in questa fan-fiction non mi appartiene. Nemmeno l'ascensore del County Cook è mio. Per questo motivo non ci guadagno nulla.
Tabella: http://drk-cookie.livejournal.com/3641.html

zerostress , tantissimi auguri di buon compleanno! Leggi la storia, che c'è una sorpresina per te!

 

"Non importa. L'ultima volta che mi sono interessata a qualcuno, Dubenko voleva portarmi a letto"

Abby, 12x05: Wake Up

 

La porta dell'ascensore si chiuse, tagliando il discorso a metà. Come la lama di un coltello. Luka, piegato verso destra, assunse un'espressione stranita. Dubenko cosa? Non che la cosa lo riguardasse, obiettivamente, lui ed Abby non avevano certo una relazione. Ma si sentiva strano comunque. L'idea che qualcuno volesse portare a letto Abby era, in un certo senso, disturbante. E Luka non riusciva a spiegarselo. Abby era una bella donna, intelligente, acuta, adorabilmente sarcastica, con uno stupendo sorriso. Chissà quanti altri uomini desiderava avere una storia con lei. Ma quanti avevano l'ardire di dirglielo in faccia?

Luka sospirò, invidiando per un attimo il coraggio del chirurgo. Tra lui e Dubenko c'era semplicemente un rapporto di lavoro, non erano amici, non erano mai usciti a farsi la classica birretta post turno, si conoscevano pochissimo. E probabilmente non sarebbero mai diventati amici. Erano troppo diversi. Quimdi Dubenko non sapeva di certo che io ed Abby... ma anche se lo avesse saputo, cambiava qualcosa? No, Abby era una donna libera. Una stupenda donna libera. Luka ebbe il presentimento che non lo sarebbe stata ancora per molto. E se lei accettasse? Se lei e Dubenko...?

Allontanò il pensiero guardando i numeri dei piani che, mano a mano che l'ascensore saliva, si illuminavano. Doveva concentrarsi su Blair. Ma anche lì: la ragazza aveva creduto di avere tempo e, in un attimo, aveva perso tutto e, adesso, si trovava sola. Niente famiglia, niente fidanzato, niente di niente.

"Dubenko voleva portarmi a letto". La frase continuava a rimbalzare nella sua testa. Il modo in cui l'aveva detto. Non era stata infastidita, al contrario, gli era sembrata quasi divertita. Che a lei, sotto sotto, l'idea non dispiacesse? Magari con un giusto corteggiamento - fiori, cinema, cene, passeggiate al chiar di luna - Dubenko sarebbe persino riuscito a conquistarla. E lei sarebbe stata presa. E lui sarebbe rimasto da solo. Non sapeva perché d'improvviso la cosa gli desse tanto fastidio; però lei era Abby - Abby - non una dottoressa qualunque. Abby. E Dubenko.

Sospirò, con la sensazione che l'ascensore ci stesse mettendo troppo tempo. Quando poi si fermò ad un piano che non era il suo, ebbe la certezza del complotto ai suoi danni. E le due infermiere che entrarono parlottando degli ultimi ordini lasciati proprio da Dubenko non contribuirono a migliorare il suo umore. Kovac, calma, stai diventando come uno per cui chiameresti un consulto psichiatrico immediato. Respira, e lascia stare Abby e Dubenko. Saranno pure affari loro, giusto? E non stavi lamentandoni due minuti fa per come erano finite le cose con Sam? Vero, però Sam era una cosa ed Abby un'altra. Abby era Abby. Abby! E non poteva spiegarselo in nessun altro modo.

Finalmente, l'ascensore giunse al suo piano e lui uscì, lasciandosi alle spalle le due infermiere. Cercò la stanza di Blair e si diresse verso la porta indicata dall'infermiera dell'accettazione. Camminando, si accorse di stare pensando ancora ad Abby ed alla proposta di Dubenko.

Riuscirò mai a farle capire quanto è importante per me? La domanda era une di quelle che colpivano a tradimento, una di quelle che la mente si divertiva a fare solo per destabilizzare. Fortunatamente per Luka, il sorriso accogliente di Blair la spazzò via, ancora prima che lui si rendesse conto di averla pensata. Era salvo. Almeno per il momento. 

 


Tags: b-day, character: luka kovac, community: fanfic100_ita, fandom: er, one-shot
  • Post a new comment

    Error

    Anonymous comments are disabled in this journal

    default userpic

    Your reply will be screened

    Your IP address will be recorded 

  • 9 comments