drk_cookie (drk_cookie) wrote,
drk_cookie
drk_cookie

  • Mood:
  • Music:

S.O.S. - Save Our Sime

Nota: il seguente post vuole essere divertente e non offensivo. Per piacere, non fraintendetemi: Goran è un attore di grande talento con una carriera di tutto rispetto. Altro dettaglio: non so che di voi vedrà mai i film di cui parlo sotto il link, ma se pensate che in futuro potreste vederli e detestate gli spoiler... NON leggete.

Ammetto di essere pigra e ripetitiva: so che sul mio vecchio Space avevo fatto un post simile, ma ci ritorno perché gli anni passano, i film aumentano, le mamme imbiancano, ma certe cose non cambiano mai.

Vi metto il link alla filmografia del mio bello: http://www.imdb.com/name/nm0899681/

Ammetto di non aver visto tutti i film (anche perché alcuni sono in croato e dove si vanno a pescare?), ma so più o meno le trame. Partiamo con l'elenco della sciagura, vi va?

  • Duga Mracna Noc (Long Dark Night): di questo filmetto esistono due versioni: la versione film per la TV a puntate e la versione cinematografica lanciata anche negli USA. Ad onor del vero nel film le scene più cruente sono state tagliate, ma negli episodi... l'allegro Ivan torna dalla guerra e si innamora di una che – diciamo – non è proprio così innamorata. Per un motivo a me ignoto (film visto in croato) viene arrestato. Le manette sono strette e gli provocano ferite sanguinolente e piene di pus sui polsi. Non contenti, i secondini lo trascinano per i corridoi del carcere tenendolo per le manette... no, ma è una cosa da unghie sulla lavagna... e non vi dico la scena in cui gli tolgono le manette dalla carne... brrrr. Ma credo che la cosa più inquietante sia che il film è stato diretto dal suocero di Goran che, evidentemente, adora farlo soffrire. Va detto, però, c he Ivan non ci lascia le penne, anche se fino all'ultimo secondo è convinto che il figlio (Luka, ebbene sì) sia morto. Non so, lo fanno addirittura andare al funerale e lui si carica sulle spalle la piccola bara che è una cosa di una tristezza indescrivibile. Ma non so come, il figlio non è morto e almeno qui tutto è bene ciò che finisce bene.
  • Posljednja volja (The Last Will): questa è una commedia, in cui Goran interpreta Bepo, una guida turistica che si fa qualunque donna gli passi nel raggio di cento metri. E fin qui un bel cambiamento. Se non che Bepo è l'unico erede di milioni e milioni di dollari e quindi si progetta di ucciderlo. In tutto il film 'sto sciagurato scappa a destra e a manca (anche con un paracadute da parapendio) per evitare di essere ucciso. E ci riesce. Ma solo perché è una commedia e quindi non può finire male. Ad essere onesti, il film è anche divertente, anche se io ho capito i dialoghi solo nelle scene in cui Bepo parlava inglese o italiano (Goran che talentuoso che sei...)
  • Prepoznavanje: non so la trama, sembra che ci sia una tipa perseguitata per qualche strana ragione e Goran ha la sfiga immensa di essere il fidanzato di sta qui (in una scena carinissima le lascia un bigliettino sulla porta con scritto volim te). E così, tentando di difenderla, viene pestato, ucciso, gettato nel bagagliaio di una macchina ed abbandonato in un prato. E aveva su anche una t-shirt bianca che almeno così le macchie di sangue si vedevano meglio...
  • Doctor Sleep (Hypnotica): l'ipnotista Michael viene quasi dissanguato attraverso una cannula infilata in una vena. E lui è lì sveglio a guardare il suo sangue gocciolare allegramente fuori. Non contenti, lo defenestrano, provocandogli non so quanti altri traumi. Però sopravvive. È già qualcosa.

  • Ice Age: non felice della sua carriera cinematografica, Goran presta la voce a Soto, la tigre cattiva de L'Era glaciale. Sì, proprio quella che viene uccisa da Diego. Ecco, manteniamo alta la media anche nei cartoni.

  • Spartacus: ve bene, qui non ci si può fare nulla... voglio dire, Spartaco è morto, no? Non è stata colpa di qualche sceneggiatore sadico.

  • Welcome To Sarajevo: Ah, Risto, Risto... il film è tratto da un romanzo, che poi è la vera storia della bambina protagonista del film, Emira. Il punto è che il personaggio di Risto nel libro non c'era, è stato aggiunto dal regista, quindi poteva non avere il destino segnato. E, invece no, perché se sei interpretato da Goran poi sei sfigato. E così il povero Risto ci lascia le penne. E non è giusto, perché la sua morte non serviva a nessuno! Non supererò mai questa cosa.

  • The Peacemaker: sì, il film con Clooney e la Kidman. Probabilmente non vi ricordate di Goran, interpretava un soldato stanziato ad una frontiera. Ha tipo nove battute e poi... viene ucciso. Memorabile. Però muore veramente bene.

  • Practical Magic (Amori e Incantesimi): Jimmy Angelov, un pazzo squilibrato assassino. Va bene, tagliando corto, la Bullock lo fa fuori, ma poi lei e la Kidman si pentono e cercano di riportarlo in vita (le due sono streghe). Ma lui torna ancora più malvagio e quindi lo uccidono ancora. E ancora. Perché una volta non è sufficiente.

  • Elektra: Mark è il padre vedovo (si comincia già in allegria) di una ragazzina (Abby, per dire) che è destinata a diventare la nuova Elektra. E quindi la vogliono uccidere. E anche lui, già che ci siamo. Ed anche qui, fughe nei boschi, combattimenti vari. Ma poi si salvano tutti.

  • The Deep End: Alek Spera fa il ricattatore. Ma col cuore: a metà film decide di cambiare squadra e di mettersi dalla parte dei buoni. Cosa che segnerà la sua fine. Infatti il suo ex “datore di lavoro” si incazza e lo uccide causando un incidente stradale. Ed ancora una volta ci si deve sorbire il cadavere insanguinato e dimenticato lì sul ciglio della strada, che è una cosa che fa sempre piacere.

  • Amleto: il primo ruolo teatrale veramente importante. Anche qui nulla di troppo da dire... uno lo sa che Amleto non fa decisamente una bella fine, comunque...

Aggiungo che uno dei primi ruoli di Goran bambino è stato il lupo ne “Cappuccetto Rosso”. Era un chiaro segno della carriera che avrebbe avuto davanti. Non il cacciatore, no, lui ha voluto fare il lupo, che fa quella bella fine allegra.

Ci sono altri film, naturalmente, che io non ho ancora visto. Ma guardate i personaggi di cui ho parlato, non è sufficiente? Perché quest'uomo deve avere una scia di personaggi così sfigati? Ma una bella commedia in cui nessuno tenta di fargli del male? Un ruolo in cui l'unico motivo per cui lo vediamo riverso su di un prato è perché si sta facendo un riposino dopo ave mangiato troppo ad un pic-nic? Sono stufa di vederlo morto, torturato, ferito, sanguinante, coperto di lividi, con le ossa fratturate, gli occhi pesti, le manette ai polsi, dietro le sbarre, buttato giù da una finestra, legato a tavoli, barelle, intubato, sotto i colpi da arma da fuoco, sulla tomba dei figli/parenti morti, piangente di fronte ad un dolore intollerabile. Basta.


Capisco che il ruolo drammatico offra più varietà, e lui è bravissimo a fare tutte quelle espressioni drammatiche/tristi/depresse/angosciate. Ma mi va bene anche un film drammatico in cui un po' si soffre, ma che poi finisce bene. No. Bisogna come minimo vederlo perdere un litro di sangue (o la vita nel peggiore dei casi)

Facciamo qualcosa?

P.S. Per motivi di indiscussa superiorità (e di una catena della sciagura interminabile) del caro dottor Kovac non parlo. Perché lui è davvero l'epigono.

Tags: movies, my pov
  • Post a new comment

    Error

    Anonymous comments are disabled in this journal

    default userpic

    Your reply will be screened

    Your IP address will be recorded 

  • 3 comments