drk_cookie (drk_cookie) wrote,
drk_cookie
drk_cookie

  • Mood:
  • Music:

[ER] - Destini Incrociati 2 - Capitolo 9: Sorprese

Nota doverosa: Ira Goldstein è un personaggio creato da Phoenix, nick dietro cui si nasconde una stupenda autrice di lingua inglese che, purtroppo, non scrive più. Anche nella sua storia, Ira è uno psicanalista a cui Luka chiedeva aiuto. Ho semplicemente tenuto nome e professione, la personalità del medico è opera mia.

 

SORPRESE

E chiedimi come va, usa parole leggere

e finalmente possiamo rischiare la felicità”

Fratello pop, N. Agliardi

 

Una porta si spalancò. Un uomo riprese fiato.

Quattro minuti. Meraviglioso. È di sicuro un nuovo record” Luka spostò gli occhi dall’orologio e si decise a guardare lo psichiatra. Si paralizzò. Quegli occhi. Profondi ed imperscrutabili. Quante volte aveva sfuggito quello sguardo. Quante volte aveva avuto paura davanti a lui. Inspiegabilmente, non riusciva a parlare.

L’altro medico accennò un sorriso, uno dei suoi sorrisi, e lo trasse dall’imbarazzo: “Scusate il ritardo. Quello è il nostro paziente, eh? Vediamo…”, sfilò la cartella dalle mani di Luka, stupenda statua di cera. “… il sig. Atkins… George Atkins. Allora, George, qual è il problema?”

Luka si scusò ed uscì.

Aria. Fuori, sulla panchina, cercava di raccogliere i suoi pensieri. Il fatto era che non poteva star lì ad ascoltare lo psichiatra; non avrebbe mai sopportato quel tono di voce, quel modo di muoversi, di fissarti, di prestarti attenzione. Non sapeva perché la cosa lo disturbasse tanto, non era più lui ad essere il centro della scena, ma non riusciva a capire. Chiuse gli occhi e rimase fermo. Il suo turno stava per finire, poi sarebbe potuto andare a trovare Abby e lei avrebbe sistemato tutto, tenendolo semplicemente tra le sue braccia. Sì, sì, sì.

Non ti starai nascondendo da me?”

Luka sobbalzò, spaventato. Ci siamo. “…oh, dottor Goldstein…”

Ira, per piacere”

Luka si sentì vittima di uno strano déjà – vu capovolto. Ciononostante, sorrise debolmente: “Ira, allora… perché è qui?”

Ira riconobbe la situazione e scosse la testa. Tentò di rimanere serio: “Beh, sono spinto soltanto da un bisogno impellente di parlare di letteratura”

Si guardarono. Scoppiarono a ridere. Quando si calmarono Ira appoggiò la mano sulla spalla di Luka: “Volevo dirtelo che lavoravo anche per il Pronto Soccorso”

Ed io volevo telefonarti. Ma avevo paura”

Paura?”

Non volevo di nuovo aprire il vaso di Pandora”

Credo che non lo abbiamo mai chiuso”

Luka sembrò rifletterci: “Beh di sicuro giro armato di una buona dose di speranza. Hai fatto un ottimo lavoro”

No, tu l’hai fatto. Io ho solo ascoltato. Ti ho proprio sconvolto, prima?”

Per un attimo Luka non rispose. Ira venne catapultato indietro nel tempo. Era nel suo studio e Luka cercava di spiegare Vukovar.

In verità ero geloso”

Geloso?”, non capiva.

Quei gesti, quelle parole dovevano essere solo mie. Ma poi ho capito: è il tuo lavoro e io so benissimo che per te noi siamo individui distinti. Anch’io prescrivo spesso gli stessi medicinali, ma ogni paziente è singolo, soggettivo. Ogni volta è una vita diversa che influenza la mia”

Ira era stupefatto: era sempre più convinto che Luka avesse sbagliato specializzazione. Lo fissò a lungo, incantato davanti ai suoi occhi azzurri. La stessa sfumatura del mare in tempesta. “Posso capirlo. È il mio modo di fare e funziona. D’altronde, io sono l’unico depositario delle tue storie?”

Luka sorrise: “No. Anche Abby sa tutto”

Abby?”

L’altro arrossì: “Sono innamorato”

Allora presto avrai ancora bisogno di me”

Luka ignorò la provocazione: “E il sig. Atkins?”

Lo ricoveriamo. Ha paura che gli alieni lo sfruttino, sai, ha immaginato una cospirazione marziani – Governo”

Ipotesi interessante. Devo andare”

Da Abby?”

Già. Grazie Ira. È stata una bella chiacchierata”

Lo so. Mi fa piacere che ti confidi ancora con me”

Luka si alzò e gli strinse la mano. Con un sorriso, si allontanò.

Ira rimase solo a pensare. Abby, Abby. Eppure quel nome gli diceva qualcosa. Poi ricordò. Avevo ragione: lei era davvero la chiave. Tornando al lavoro fischiettava: la giornata era decisamente migliorata.

 



Tags: character: luka kovac, fandom: er, long fic, long fic: destini incrociati 2, pairing: luby
Subscribe
  • Post a new comment

    Error

    Anonymous comments are disabled in this journal

    default userpic

    Your reply will be screened

    Your IP address will be recorded 

  • 0 comments