drk_cookie (drk_cookie) wrote,
drk_cookie
drk_cookie

  • Mood:
  • Music:

[ER] Destini Incrociati - Capitolo 3: Abby

Non so perchè, ma più scrivo 'sto titolo più mi sembra assurdo...
Comunque: buona lettura!

 

 

ABBY

“E mi attacco alle stelle,

tiro un po’ a indovinare,

mi dipingo un presente in cui non c’è niente se non respirare”*

La porta dei sogni, Ligabue

 

Ormai le sembrava di essere sempre di corsa. Scuola, esami, tirocinio, scuola, spesa, pulizie e poi via ancora daccapo. Ma chi glielo aveva fatto fare? Non ho più l’età per queste cose, è per questo che medicina si studia a vent’anni.

Anche quella sera tornò sbuffando a casa. Le sarebbe piaciuto trovarci un fidanzato amoroso che le preparava la cena e la coccolava un po’. Sinceramente erano pensieri strani per lei che aveva sempre amato e difeso la sua solitudine ed indipendenza. Ma dopo circa tre anni in cui aveva avuto qualcuno accanto si era quasi abituata ad una confortevole compagnia.

Prese il libro di anatomia e si rituffò nel sistema nervoso. Nozioni su nozioni da imparare e capire. Ma era stanca per riuscire a concentrarsi, la sua mente continuava a vagare per le stanze vuote del suo appartamento. Che noia! Accese la TV e si trovò davanti la solita sit- com in cui tutti si amano e alla fine la famigliola felice si riunisce a tavola per cenare in perfetta armonia. Ma non si rendevano conto che erano solo invenzioni? La coppia perfetta non esisteva; bastava guardare lei e John.

All’inizio davvero sembrava una favola: lui ricco e bello che si innamora di lei, ragazza normale dall’infanzia triste. Esattamente non sapeva quando le cose avevano iniziato a scricchiolare, ma da un giorno all’altro sembrava non si capissero più. Poi era arrivata la pazza proposta di matrimonio fatta sul tetto dell’ospedale e, la sera dopo, John aveva prenotato un ristorante solo per loro due. Molto molto romantico. Abby sapeva che le avrebbe rifatto la proposta e, quasi sicuramente, gli avrebbe risposto di sì, ma Carter si era impappinato con un discorso sul cambiamento e tutto era sfumato.

La ciliegina sulla torta era stato il funerale della nonna di John dove Eric aveva dato spettacolo. Il giorno dopo, ci si era messo pure l’altro pazzo che partiva per il Congo. Evviva! In un secondo le era sembrato di perdere i tre uomini che avevano contato qualcosa nella sua vita.

E, colpo di scena, anche Carter era andato in Congo e, poi, ci era tornato ancora per cercare Luka. E adesso Luka era a casa con i postumi della malaria e Carter ancora nel continente nero, da dove le aveva inviato una lettera in cui le comunicava che era finita. Tutto sommato meglio così, non era più innamorata di lui da un pezzo.

Ed eccola lì, sola, un sabato sera qualunque. Che patetica! Decise che era meglio andare a letto, sperando di non sognare niente di tutto questo.


 

Tags: character: abby lockhart, fandom: er, long fic, long fic: destini incrociati
  • Post a new comment

    Error

    Anonymous comments are disabled in this journal

    default userpic

    Your reply will be screened

    Your IP address will be recorded 

  • 0 comments