drk_cookie (drk_cookie) wrote,
drk_cookie
drk_cookie

  • Mood:
  • Music:

[CSI: NY] - Venti ore - Capitolo 08: Cinque ore prima



Capitolo 08: Cinque ore prima

Al trentaquattresimo piano, la tensione si poteva tagliare col proverbiale coltello. Mac aspettava impaziente i risultati delle analisi, sperando di trovare una qualunque pista utile. Perché questa incertezza? Sai benissimo che le prove portano sempre da qualche parte! Non hai fatto che ripeterlo a chiunque per anni! Mac Taylor lo sapeva, ma non riusciva a mantenersi del tutto distaccato. Non poteva negarlo: dopo il colpo di pistola che l'aveva quasi ucciso, si sentiva più vicino alle vittime. Senza dimenticare che questa particolare vittima era anche un amico. Non sapeva se questa nuova sensibilità fosse qualcosa di estremamente negativo o se avesse potuto usarla per risolvere il caso.

Mac...”

L'uomo si voltò verso la porta. Incontrò lo sguardo nervoso di Lindsay: “Le analisi confermano che il sangue trovato è quello di Flack. Così come l'unghia sullo zerbino”

Niente di inaspettato, in verità, ma Mac sentì la rabbia ribollire.

Le impronte?”

Niente fuori dall'ordinario: ci sono le sue e poi...”, Lindsay non sapeva bene come continuare. Bastò un'occhiata cupa del capo per darle la forza, “Ci sono un paio di tue impronte ed anche qualcuna di Danny, ma sono vecchie e sbavate”

Mac non commentò: una circostanza del genere se l'era immaginata, anche se la conferma non lo faceva sentire del tutto a suo agio.

Suvvia, Mac, non vuol dire nulla! Siete suoi amici, andate avanti ed indietro da casa sua e lui dalla vostra! Sarebbe stato molto strano se non le avessimo trovate, le impronte”, Jo era apparsa sulla porta, cercando di alleggerire l'atmosfera.

Il residuo di polvere?”, Mac cambiò argomento.

Hawkes sta completando le analisi. Io ti posso dire che nella birra non è stata trovata nessuna sostanza illecita. E, dopo aver esaminato la condensa in relazione alla temperatura del frigoriferio e del salotto, riteniamo che l'aggressione sia avvenuta tra le sei e le otto di sera"

Taylor guardò l'orologio: erano le undici del mattino ed il tempo sembrava scorrere lentissimo e rapidissimo allo stesso tempo. Non poteva sapere come stesse Flack, aveva solo le tracce di sangue a dargli qualche indicazione, ma sicuramente non si stava divertendo. Si domanderà dove siamo, noi con le nostre prove infallibili. “Voglio vedere a che punto siamo.” Marciò praticamente fuori dal suo ufficio, dirigendosi verso il laboratorio tracce. Hawkes era chino su un microscopio.

Sheldon, so che hai fatto il turno di notte, ma...”, Mac stentava a riconoscere il suo stesso tono di voce, sembrava così... così... perduto, vuoto.

Nessun problema, capo. Non vorrei essere da nessun'altra parte”, fece un piccolo sorriso triste, Flack è uno di noi, “Allora... il residuo raccolto è farina bianca contenente parti di lievito ed olio di oliva”

La risposta esatta è: pizza!”, Adam entrò nel laboratorio con l'espressione del vincitore dipinta sul viso.

Mac sollevò un sopracciglio: se questa tua esuberanza è giustificata, bene, altrimenti ti aspetto nel mio ufficio a fine turno.

Il tecnico di laboratorio si sgasò come una bottiglia d'acqua frizzante lasciata aperta troppo a lungo, “Ho analizzato i telefoni del detective Flack. L'ultima chiamata sul suo cellulare l'ha fatta Jo alle cinque e mezza”

Era per chiedere notizie relative al mandato che stavamo aspettando sul caso 'Smith'. Mi ha detto che oggi avrebbe richiamato il giudice. Credo stesse per andarsene a casa”, Jo suppose ripensando alla serata precedente.

"Sì, il Sergente Sythe ha confermato che il suo turno è finito alle cinque e mezza e lui se n'è andato verso un quarto alle sei", Mac aggiornò il gruppo con le notizie ricevute poco tempo prima.

L'ultima telefonata dal fisso è stata fatta alle sei e ventidue. Pizzeria Ray's. Li ho chiamati: Flack ha ordinato una pizza peperoni, formaggio e doppia mozzarella”

Il fattorino!”, Hawkes schioccò le dita.

In quel momento il cellulare di Mac vibrò: “Danny? Sì... coincide con le nostre speculazioni. Raccogli tutto e torna qui”, Mac chiuse la comunicazione, “Danny ha trovato un cartone contenente ancora la pizza gettato in un cassonetto vicino alla casa di Flack. È un cartone di Ray's. È così che è entrato”

Pensi sia stato il ragazzo della pizza?”, Ross era molto scettico. Sapeva che era una domanda stupida, ma, prima di essersene reso conto, aveva già preso forma e voce. Il ragazzetto della pizza? Come può riuscire a sottomere uno come Flack?

Non credo...”

Ma questo tale, allora, come poteva sapere che avrebbe ordinato la cena? O che era in casa?”, Lindsay non sapeva bene cosa pensare.

Lo stava spiando. Credo che sia abbastanza sicuro ormai”. E io sono un investigatore terribile. Uno psicotico segue uno dei miei amici, studia le sue abitudini ed io non mi accorgo di nulla. E sono anche stato a casa sua non più di una settimana fa. Eppure nulla... complimenti, Taylor, gli hai davvero coperto le spalle.

Mac, per piacere, non cominciare a pensare che sia colpa tua. Non è colpa di nessuno, in verità. Li conosci anche tu certi stalker. Sono bravi, precisi. Nemmeno Don credo si sentisse in pericolo per qualcosa”, Jo cercò di rincuorare il collega. Sapeva che se Mac avesse continuato a flagellarsi la squadra sarebbe entrata in stallo. E non potevano permetterselo. E, comunque, non è colpa sua.

Va bene...”, Mac sentì che doveva uscire da lì, nonostante fosse il suo adorato laboratorio, “Io vado da Ray's . Voi continuate qui, tra poco arriverà Danny con la pizza. Jo, chiama la Omicidi e chiedi se hanno qualche novità. Ed aggiorna Sinclair, prima che cominci a tempestarci di telefonate”

Jo annuì ed uscì dalla stanza, seguita da Mac.

Dopo aver parlato col proprietario della pizzera, Mac si avvicinò a Kevin, il ragazzo che aveva consegnato la pizza. Non sembrava particolarmente preoccupato, non che nei suoi occhi brillasse molta intelligenza, in verità, e Mac si domandò perché proprio lui fosse stato incaricato della consegna. Perchè non ci vuole un genio a portare una pizza. Va bene praticamente chiunque.

Allora, Kevin, cos'è successo?”, dritto al punto.

Ho consegnato la pizza. Mi pagano per questo, no?”, strafottente ed odioso. Mac inspirò a fondo per rimanere calmo.

Al detective Flack?”, detestava fare domande inutili. Facevano solo perdere tempo.

Certo. Per chi mi prende?”, faceva anche l'offeso, adesso.

Mac socchiuse gli occhi, furente, “Un agente di polizia è stato rapito in concomitanza alla tua consegna. Sono pronto a far pagare le conseguenze a chiunque si metta in mezzo all'indagine mentendo ed abusando del mio tempo. Non è un gioco né tantomeno uno scherzo. È un attimo accusare qualcuno di ostruzione alle indagini o di complicità. Chiaro?”

Kevin deglutì. Lo sguardo truce del detective lo avrebbe perseguitato nei suoi incubi peggiori; non aveva certo di fronte uno di quei poliziotti un po' stupidi dei film. “Ho suonato al campanello, non era la prima volta che andavo lì. Il detective Flack mi ha aperto il portoncino. Stavo per entrare nell'atrio, quando un tizio mi ha fermato. Ha detto di abitare nel palazzo e di aver dimenticato le chiavi in casa. Mi ha chiesto se la consegna era per il detective Flack e quando io ho annuito, mi ha detto che lo conosceva molto bene e che gli avrebbe portato lui la pizza. Ha pagato e mi ha lasciato dieci dollari di mancia. Io sto risparmiando per comprarmi il nuovo i-Phone e dieci dollari... gli ho dato la pizza e me ne sono andato”

Perfetto, il mio amico venduto per dieci dollari.

Lo hai visto in faccia, almeno, o il traguardo del cellulare ti ha annebbiato il cervello?", non poté nascondere il tono disgustato.

Io...”, Kevin non era più strafottente. Almeno quella era una piccola vittoria, “Era alto, ho dovuto alzare la testa... forse più di un metro e novanta. Ed era muscoloso, mi ha intimorito un po, sembrava tipo Hulk. Occhi scuri, baffi scuri. Portava un cappello di lana in testa. Portava un paio di guanti di pelle. Ho pensato che fosse un po' suonato: non faceva così freddo per guanti e cappello...”, e nonostante tutto hai trovato perfettamente logico consegnarli una pizza per un'altra persona.

Adesso ti porto in Centrale e ripeti tutto al nostro esperto di indentikit. E non voglio polemiche. Andiamo”, Mac scortò Kevin fuori dal locale. Ad est si stavano addensando nuvole scure di pioggia. Spero che almeno tu sia al caldo, Don. Tieni duro, ti troveremo.


Tags: character: don flack, fandom: csi: ny, long fic, long fic: venti ore
  • Post a new comment

    Error

    Anonymous comments are disabled in this journal

    default userpic

    Your reply will be screened

    Your IP address will be recorded 

  • 0 comments