drk_cookie (drk_cookie) wrote,
drk_cookie
drk_cookie

  • Mood:
  • Music:

Comunicare? E perché mai?

Vi ricordate l'episodio di Asterix, in cui lui ed Obelix dovevano recuperare il lasciapassare A27? Qui sotto, cercherò di riportare l'odissea cominciata in ufficio con quelli della Telecom. Mi sto ancora maledicendo per aver accettato di ricevere la loro promozione. Mai più. Addentratevi, se avete il coraggio...

Luglio 2011:
Mi squilla il telefono. Dall'altra parte, un'allegra telefonista Telecom che mi propone la prova - senza impegno - di un computer Asus e di un televisore LCD. Sfortunatamente (per me) mi trovo in una fase un po' così, quindi, dopo essermi fatta assicurare circa quindici volte che se mi fossi avvalsa del mio sacrosanto diritto di recesso non avri dovuto pagare nulla, accetto di farmi spedire il tutto.
Circa due settimane dopo il corriere suona il campanello e mi lascia l'eccezionale promozione Telecom. Il mio capo tecnologico apre il pacco, prova il computer un paio di giorni e mi dice che non ne vale la pena.
Telefono subito in Telecom e mi faccio spiegare qual è la procedura per la restituzione: raccomandata con A/R in cui si specifica di voler rimandare indietro tutto ed attesa del corriere che verrà a ritirare.
Così per fare un po' la rompi chiedo: "Ma se la raccomandata vi arriva tardi a causa di, non so, disguidi vari delle poste? Guardi che non voglio che mi venga fatturato nulla (anche perché l'adorabile computer costa qualcosa come € 2.200,00 + IVA)" - Risposta: "Signorina, tranquilla! Farà fede il timbro postale e la data di spedizione della raccomandata"

Agosto 2011:
Mi arriva per posta la fattura del computer. Mentre sto ancora aprendo la busta telefono inviperitissima al 191. Solita attesa di mille minuti e poi, finalmente, posso spiegare la situazione. Mi sento dire: "È normale che le sia arrivata la fattura, la DDT di consegna era una DDT di vendita..." - Io: "Non ho intenzione di pagarla. Mi sono avvalsa del mio diritto di recesso!" - "Un attimo in linea" - Musichina insopportabile - "Signorina, ha ragione! La pratica di recesso è stata accettata. Dovrebbe solamente spedire via fax la carta d'identità del titolare per chiudere la pratica" - "Via fax? Non avete una mail? (suvvia, siamo nel 2011, siete un'azienda che si occupa di comunicazione - tenete a mente questo dettaglio)" - "No, niente mail, bisogna fare il fax" - "Va bene. Ah, sollecita cortesemente il corriere che si venga a riprendere il pacco? Mi ingombra l'ufficio" - "Certo!"
Chiaramente, mando il fax in tempo zero ed archivio la fattura che non verrà pagata (in effetti, con la DDT di vendita non avevano molte alternative... ma fare una DDT di prova da tramutare poi? Ma chi sono io per decidere?)
Passano altri giorni, la chiusura estiva si avvicina ed io temo che il computer passerà le vacanze nel mio ufficio. Infatti, così è. Ma, sostanzialmente, non me ne frega nulla.

Settembre 2011:
Il pacco è ancora sul pavimento vicino all'attaccapanni. Nella cassetta della posta trovo la fattura del canone telefonico. Spulcio le varie voci addebitate e cosa trovo? La prima maledetta rata del maledetto computer! Abbandono tutto ciò che avrei dovuto fare come prima cosa al rientro delle ferie e mi riattacco al telefono. Rispiego tutta la storia (perché, lo sapete anche voi, c'è sempre un operatore diverso dall'altra parte). "Va bene, apriamo una pratica di reclamo" - "Senta, a metà settembre scade la bolletta, io pago col RID, cosa devo fare? Non vorrei non pagare, so che voi siete velocissimi a tagliare le linee..." - "Non si preoccupi, un nostro incaricato la chiamerà nel giro di una settimana per stabilire come procedere. D'altronde, il recesso è stato accolto, non avrebbero dovuto fatturarvi la rata... non capisco cos'è successo..."
Riattacco, dopo aver sollecitato di nuovo il ritiro.
Qualche giorno dopo mi arriva una mail con i documenti per il corriere. Li appiccico ben bene e ricomincio a sperare. Il giorno previsto per il ritiro arriva e passa. e poi ne passa ancora uno. Ma io ho una mail stavolta, e quindi scrivo per avere delucidazioni, specificando che il ritiro deve avvenire al mattino, perché, spesso, al pomeriggio non c'è nessuno. Viene fissato un altro giorno. E finalmente il corriere giunge. Al pomeriggio. Fortuna, il titolare era lì a fare dei lavori.
Nel frattempo, si avvicina la data della scadenza della fattura e nessuno ha ancora chiamato. Visto che non voglio fare quella che non paga i fornitori mi rimetto al telefono. In due giorni, mi danno versioni diverse su cosa sia meglio fare. Alla fine, mi accordo con l'ufficio amministrativo: salderò la fattura per differenza tramite bonifico, dopo aver bloccato il RID bancario. Una volta pagato l'importo, invierò un fax con il numero di CRO ed una spiegazione del pagamento per differenza con riferimento al numero di reclamo.
Avviso la banca e procedo. Il fax dà esito positivo.

Ottobre 2011:
Mi telefona l'ufficio amministrativo Telecom: "Mi scusi, ho notato che, per errore, anche nella fattura di ottobre, in emissione in questi giorni, vi è stata fatturata un'altra rata del computer..." - "..." - "Se vuole, ci fate anche questo mese il pagamento per differenza e poi, a gennaio, sulla fattura, troverete lo storno di tutte le rate mancanti" - "Va bene". Mi segno le coordinate bancarie e riattacco, molto infastidita dall'incompetenza Telecom.
Qualche giorno dopo arriva una lettera mittente Telecom. Scioccamente, penso che sia la fattura ed invece... è un bollettino della rata non pagata a settembre! Praticamente, mi si chiede il pagamento dell'importo che non avrebbe dovuto essere stato fatturato in partenza. Che fenomeni. Ovviamente, ritelefono, rispiego di nuovo tutta la faccenda all'ennesimo operatore. Ovviamente, mi riconfermano che hanno commesso l'ennesimo errore e che verrà aperta l'ennesima pratica di reclamo. Io chiudo la telefonata così: "Io questo bollettino non lo pago. Se mi tagliate la linea, giuro che succede un casino pazzesco"
Vi ricordo che, tra un po', arriverà un'altra fattura che io dovrò pagare per differenza. Quindi, mi aspetto un altro bollettino.
Comunicare tra ufficio e ufficio, no eh?

Finirà mai?

ETA: framasi1965 si chiedeva se c'erano novità. Ebbene sì! Ieri è arrivata la bolletta e... hanno fatturato tutto giusto! Niente voci strane, niente importi in più. Sono quasi sconvolta. Tra l'altro mi hanno anche spedito la nota di credito della fattura di vendita del PC + monitor. Sembra finita, ma non voglio dirlo a voce troppo alta.
Tags: my job, my pov
  • Post a new comment

    Error

    Anonymous comments are disabled in this journal

    default userpic

    Your reply will be screened

    Your IP address will be recorded 

  • 0 comments